MOUNT KIMBIE, LORENZO SENNI, NU GUINEA, LUCY (BAREZZI Submarine)
24 novembre 2018
22:00
PARMA
Auditorium Paganini - Sala Ipogea
Google Map
BUY TICKETS
Barezzi Festival chiuderà la dodicesima edizione con una lunga night all’insegna della musica d’avanguardia in uno dei luoghi più avveniristici della città di Parma, la Sala Ipogea, luogo sottoposto all’Auditorium Paganini che per una notte fungerà da sottomarino nei profondi e differenti abissi musicali della scena elettronica internazionale. Barezzi Submarine, in collaborazione con Borneo, sublimerà una tre giorni intensa e di altissimo spessore culturale catapultandovi in uno spazio senza tempo e senza barriere sonore.

Lorenzo Senni – Live 22.00
Mount Kimbie – djset 23.00
Nu Guinea – djset/live keys 00.15
Lucy – djset 01.45

LORENZO SENNI (live): Investigatore instancabile dei meccanismi e delle parti operative della musica da ballo e capo del noto marchio sperimentale Presto!?, il musicista italiano firma alcune delle uscite più originali di questo decennio. Nel 2016 Lorenzo Senni ha firmato per la leggendaria Warp Records e il suo EP “Persona” è stato premiato con la prestigiosa “Honorary Mention” al Prix Arts Electronica, uno dei premi annuali più noti nel campo della cultura e della musica digitale.

MOUNT KIMBIE (djset): Mount Kimbie sono composti da Kai Campos e Dom Maker. Kai è originario di St. Austell in Cornovaglia, mentre Dom è di Brighton. Si incontrarono alla Southbank University di Londra. Cominciarono a comporre musica insieme in uno studio casalingo a Peckham. Il gruppo ha pubblico due EP. L’album di debutto della band, intitolato Crooks and Lovers, è stato pubblicato il 19 giugno 2010. Hanno prodotto remix di The Big Pink, Foals e The xx. Il duo è legato da una stretta amicizia al musicista James Blake, il quale ha collaborato con loro dal vivo e ha prestato le sue abilità per il remix di Maybes, che compare sull’EP dei Mount Kimbie Remixes Part 1, pubblicato il 12 aprile 2010.

NU GUINEA Il duo Nu Guinea, formatosi a Napoli e ora di stanza a Berlino, crea delle sonorità influenzate dall’idea di un luogo esotico, forse immaginario, frutto di una costante ricerca musicale nel passato. Il loro percorso può essere definito come un’indagine storica sulla musica da “dancefloor” nel suo senso più puro. La chiave è la contaminazione fra generi musicali nata dall’incontro fra differenti culture e popolazioni. Il progetto nasce dall’idea di jam sessions, fusioni fra sintetizzatori elettronici e strumenti tradizionali, caratterizzato da un suono che non mira alla perfezione, ma alla “genuinità” e che può essere inteso come una forma in costante mutamento. Il primo Ep pubblicato su Early Sounds Recordings nel 2014 è seguito dal disco “World Ep” su Tartelet Records. Nel 2016 esce The Tony Allen Experiments, con la collaborazione di Tony Allen, capostipite dell’Afrobeat e batterista storico del leggendario Fela Kuti. A seguire i Nu Guinea fondano la propria piattaforma discografica: NG records. La prima uscita è un 45 giri dal titolo Amore, cover di un brano italiano della fine degli anni ’70.

Il 2018 segna invece un ritorno alle origini. Nuova Napoli , questo il titolo dell’ultimo LP, rappresenta un focus speciale sulla città natale del duo. Guardano la città da lontano ricostruendo la sua energia dal loro studio di Berlino, calibrando i synth sul meridiano del Vesuvio, il vulcano che da sempre protegge e minaccia Napoli. In questo disco i Nu Guinea si lasciano ispirare dalla musica Disco, Jazz-Funk e Fusion Napoletana, unendo tali influenze al caratteristico suono che li contraddistingue.

LUCY (djset): Dietro questo moniker si cela Luca Mortellaro. Musicista techno italiano, naturalizzato berlinese. Uno dei produttori/DJ più eccitanti e ambiziosi del panorama Techno mondiale. Lastre di vetro che rifrangono un caleidoscopio che esprime il suo mondo, costellato di esperimenti, pattern, visioni e speranze. Dal 2009, Mortellaro ha focalizzato il suo lavoro attraverso la propria label Stroboscopic Artefacts, costruendo un’impronta e una discografia personale che si è affermata come una delle migliori al mondo.